Nel ricordo di Simonetta Dominijanni

dim_2572

Vogliamo ricordarla così, solare e sorridente al mio matrimonio nonostante la sua malattia.

Ciao Simonetta da Federico e tutti i Fattorelliani.

——————————

Ieri mattina siamo stati al Santuario del Divino Amore al funerale di Simonetta.

Siamo sicuri che Simonetta non avrebbe voluto il nostro pianto, ma non siamo riusciti a trattenere le lacrime; tutti senza parole, sgomenti ed increduli quasi a negare la realtà di quella bara coperta di fiori.

Simonetta era arrivata al Fattorello nel 2009, portando tra noi una carica incontenibile di simpatia, di positività, di intelligenza sempre creativa e di tanta , tanta gioia.

Ieri mattina, tutti noi, non ricordavamo un solo momento in cui Simonetta non fosse sorridente e sempre pronta ad incoraggiare tutti nelle situazioni difficili.
Dopo la conclusione del Corso, non ci siamo persi di vista, anzi, ogni occasione d’incontro la vedeva sempre presente, fiduciosa ed ottimista, dando serenità a tutto l’ambiente.

Nelle lunghe telefonate che avevamo, quando ormai la malattia aveva iniziato il suo inarrestabile percorso distruttivo, Simonetta chiedeva a noi di stare tranquilli, perché lei era determinata a sconfiggere il male e tornare a godere appieno del regalo che la vita le aveva concesso con l’arrivo del piccolo Mainor. Ora anche lei era finalmente mamma! E che mamma, che amore totale, che saggia dedizione!

Simonetta ,senza volerlo, ci hai dato tanto ed è stato bello averti avuto con noi.

Ora i tuoi “compagni di corso” e tutti gli amici del Fattorello, si stringono con tanto affetto a tuo marito Paolo, alla tua mamma Anna, al tuo piccolo dolcissimo Mainor e a tutti quelli che come noi ti hanno voluto bene.

Un’ultima cosa vogliamo dirti Simonetta: sarà impossibile dimenticarti e siamo certi che ogni volta che parleremo di te tu ci ripagherai con il tuo splendido sorriso.

Ciao Simonetta e grazie di tutto!

Edizione del 65° corso di formazione: dal 3 febbraio 2012

METODOLOGIA DELL’INFORMAZIONE

TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE

Corso istituzionale anno 2012

A cura di: Prof. Giuseppe Ragnetti – Direttore “Istituto F. Fattorello”

“Itinerario di comunicazione”

rosadeiventi

 

Nelle complesse e innumerevoli “vie” della comunicazione, ognuno di noi si orienta in base alla propria “mappa” mentale. Ogni essere umano possiede, dunque, un suo personale “percorso” nel proprio mondo che gli consente di vederlo in maniera totalmente soggettiva, grazie al quale si avventura nel viaggio quotidiano della propria esistenza.

Accade, però, che l’uomo, essere incline all’associazione, compia, nella maggior parte dei casi, questo viaggio in compagnia di altri suoi simili! Come fare allora a mettere insieme tante e varie “mappe” per raggiungere la meta comune? Le strade da percorrere sono diverse in base al numero, all’orientamento e alle esigenze dei viaggiatori e, per evitare di “girare intorno”, è opportuno decidere insieme la via da intraprendere ….comunicando e aprendosi al dialogo.

Il bisogno di comunicare con gli altri è una prerogativa irrinunciabile dell’uomo. Il comunicare è come una strada a doppia corsia: viaggiano parallelamente l’essere consapevoli del proprio stato d’animo e il relazionarsi positivamente con gli altri.

La comunicazione è un processo mai definito e mai definitivo, proprio perché è un fenomeno che “scorre” incessantemente; è in continua evoluzione semplicemente perché gli esseri umani sono diversi gli uni dagli altri, mai rigidamente precostituiti, non si possono applicare, nelle relazioni interpersonali, ricette ad effetto immediato o formule magiche.

Capire i meccanismi della comunicazione in tutti i suoi aspetti ci aiuta, nel percorso della vita, a far fronte a tutti quei fattori che si immettono costantemente nel contesto sociale, lavorativo e familiare di ognuno di noi e che, a volte, rallentano, fermano, accelerano o, addirittura, ne deviano la meta da raggiungere.

“Al lavoro!!!”

Attraverso il “mare della comunicazione” approderemo, di volta in volta, a porti sicuri rappresentati dai vari capisaldi della comunicazione, oggetto del nostro Corso.

Le aree tematiche che verranno affrontate e sviluppate durante il corso sono:

La Tecnica sociale dell’Informazione. Le Scienze dell’Opinione. Corso di Comunicazione generale (Dalla comunicazione ai comportamenti; I presupposti della comunicazione; L’essere umano che ascolta e l’ascolto dell’essere umano; L’ascolto attivo; La comunicazione assertiva; Le componenti dell’assertività; La comunicazione come strumento; Le abilità comunicative; I blocchi della comunicazione; La comunicazione non verbale.)

La Teoria della Tecnica Sociale dell’Informazione fu ideata e insegnata per la prima volta da Francesco Fattorello sin dall’anno accademico 1947/’48.

L’obiettivo che intendiamo raggiungere con la nostra proposta formativa, è quello di mettere a disposizione degli studenti e di tutte le persone interessate l’approccio teorico fattorelliano che rappresenta una visione di una incredibile modernità e ci sembra poter fornire una risposta adeguata alle crescenti esigenze di informazione e comunicazione che connotano le società democratiche di oggi.

E allora….. scaldiamo i motori e prepariamoci a partire per l’edizione 2012 del nostro Corso , giunto ormai al 65° anno di formazione: dal 3 febbraio tutti i venerdi dalle 17.00 alle 20.30.

Il prof. Ragnetti , in attesa di conoscere i prossimi amici del “Fattorello” augura a tutti un nuovo anno interessante e utile per la propria crescita personale e professionale .

Prof. Giuseppe RAGNETTI

cell. 335-8334251

Mail: gragnetti@tiscali.it

http://www.istitutofattorello.org